Nuovo Euribor, due anni in più di tempo per adattarsi

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ci saranno due anni in più di tempo per potersi adattare al nuovo Euribor. È quanto ha deciso la Commissione Europea, permettendo così alle banche e alle istituzioni nazionali di poter approdare in maniera più comoda all’appuntamento con il varo del nuovo sistema di calcolo del parametro utilizzato per poter conteggiare i tassi variabili.

Una proroga non attesa

Con una decisione in buona parte a sorpresa, la Commissione Europea ha dunque stabilito di concedere due anni in più per poter adottare il nuovo Euribor e Eonia: un biennio di rilancio che dovrebbe consentire un arrivo più comodo e meno traumatico, considerata l’importanza del nuovo benchmark.

In altri termini, i rappresentati dei Paesi UE hanno votato la decisione che consente al panel che partecipa alla compilazione dell’indice di poter avere più tempo per potersi adeguare. Ma perché si è comunque reso necessario un cambiamento, con passaggio dal vecchio al nuovo Euribor?

Le ragioni sono diverse, ma la principale è legata nella necessità di permettere all’Euribor di annoverare maggiori requisiti di trasparenza e, ulteriormente, più aderenza al mercato.

Attualmente, infatti, l’Euribor viene rilevato sulla base della partecipazione volontaria di una ventina di banche a un panel europeo. Un meccanismo che si è più volte prestato, anche nel recente passato, a critiche su potenziali manipolazioni. E, considerando che sono più di 110 miliardi di euro i finanziamenti legati all’Euribor in tutta l’UE, è facile capire quali possano essere i riflessi di una simile opacità.

Cosa cambia con il nuovo Euribor

A questo punto, non ci rimane che cercare di comprendere quali potrebbero essere le conseguenze per i tassi sui mutui.

Il nuovo Euribor apporterà delle variazioni significative o no? Ci saranno maggiori o minori costi per i mutuatari?

In realtà, stando a quanto affermano le prime rilevazioni previsionali in tal senso, i cambiamenti dal vecchio al nuovo Euribor dovrebbero essere piuttosto limitati, e probabilmente contenuti entro i 5 punti base. Nessun cambiamento è inoltre previsto in termini di adempimenti per banche e mutuatari: chi ha già un contratto di finanziamento a tasso variabile non dovrà infatti far nulla, considerato che a cambiare non sarà certamente il parametro in sé, ma solo il suo meccanismo di calcolo.

Probabilmente, a cambiare potrebbe essere la volatilità del nuovo Euribor, che potrebbe essere maggiore, soprattutto in alcune fasi di mercato. Un meccanismo di compensazione ancora in fase di studio dovrebbe però attenuare ogni possibile eccessiva oscillazione.

Un’altra conseguenza potrebbe fare la sua comparsa per i nuovi mutuatari, ovvero per coloro che a decorrere dal 1 gennaio 2022 si troveranno a valutare la possibilità di sottoscrivere un finanziamento a tasso variabile sul nuovo Euribor. Considerato che a quel punto il nuovo Euribor non avrà alcuna storicità, potrebbe esserci qualche timidezza e qualche preoccupazione aggiuntiva nell’abbracciare con convinzione un parametro il cui meccanismo di calcolo non è ancora stato sperimentato in condizioni di mercato reali.

In ogni caso, i riflessi potenzialmente negativi dovrebbero essere pochi e temporanei. Ammesso che, da qui al 31 dicembre 2021 – nuovo termine ultimo per l’adozione del prossimo sistema di calcolo – non cambi nient’altro…

Ti è piaciuto questo articolo?
Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Rispettiamo la tua privacy
Informativa Privacy e Cookie
Seguici

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •