Prosegue la tendenza espansiva del mercato immobiliare

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Come ogni anno, il mese di giugno coincide con la pubblicazione dei primi dati trimestrali 2019 da parte dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, che ha così “certificato” l’evoluzione dei primi tre mesi di un anno che dovrebbe garantire al mercato immobiliare una nuova spinta espansiva.

Effettivamente, almeno a giudicare i dati di sintesi del report, quel che emerge è la prosecuzione della tendenza espansiva dei volumi di compravendite del settore residenziale, oramai in atto dal 2014, per quanto con un tasso tendenziale (+ 8,8%) che è un po’ inferiore a quello del trimestre precedente (+ 9,3%).

I dati per macro area

Rallentamenti generali a parte, e disaggregando il dato complessivo per aree territoriali, ancora una volta il  Nord Est e il Centro si confermano le due macrozone con il più alto tasso di crescita delle compravendite, pari rispettivamente all’11,8% e al 10,7%, anch’esse in lieve rallentamento rispetto alla rilevazione precedente.

Particolarmente positivo è anche il tasso di sviluppo registrato nel Nord Ovest (+ 9,6%) dove si registra più di una transazione su tre nell’intero mercato nazionale, mentre prosegue più lenta l’espansione al Sud (+ 4,8%) e soprattutto nelle Isole (+ 3,3%).

Poche, infine, le differenze in termini di capoluogo / non capoluogo, con progressioni rispettivamente pari a +8,7%  e + 8,9%. Solamente nel Sud si registra un differenziale più consistente, con un – 0,4% per i comuni capoluogo, contro un segno positivo per quelli non capoluogo.

I dati per superficie

Ragionando in termini di Paese, poche eterogeneità sembrano essere presenti nello sviluppo delle compravendite per classi dimensionali, considerato che il +8,8% complessivamente riscontrato sul territorio del BelPaese cela due estremi non distanti, come il + 8,6% per le abitazioni tra i 50 e gli 85 metri quasi, e il + 9,3% per le abitazioni fino a 50 metri quadri, che hanno dunque potuto compiere un’accelerazione record rispetto alle altre fasce dimensionali. Si tenga comunque conto che le case di superficie inferiore ai 50 metri quadri rappresentano ancora oggi quelle meno presenti sul territorio italiano, con una quota di mercato del 9,3% (quelle più diffuse, per completezza del dato, sono quelle nella fascia tra i 50 e gli 85 metri quadri, in grado di assorbire quasi un terzo del mercato).

Il dato nazionale nasconde tuttavia qualche statistica che merita un cenno di approfondimento. In particolar modo, proprio nelle classi dimensionali fino a 50 metri quadri si registra l’unico segno negativo tendenziale (nel Sud, – 5,6%), così come la progressione più dinamica (+ 16,2% nel Nord Est). Molte differenze sembrano altresì sussistere nella classe tra i 50 e gli 85 metri quadri: qui il Sud e le Isole hanno sostanzialmente confermato i dati precedenti (rispettivamente + 0,0% e + 0,3%), mentre Nord Ovest, Nord Est e Centro sono cresciute in doppia cifra.

I mutui

Per quanto infine concerne il lato mutui, emerge come il finanziamento ipotecario continui a finanziare la maggior parte degli acquisti (78,1%), coprendo il 74,1% del valore dell’immobile. Il tasso fisso è ampiamente quello privilegiato, in virtù delle attuali favorevoli condizioni di mercato.

Ti è piaciuto questo articolo?
Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Rispettiamo la tua privacy
Informativa Privacy e Cookie
Seguici

Planning Pool

Planning Pool è l’azienda leader nell’intermediazione immobiliare in provincia di Venezia. Si caratterizza per l’elevata competenza, la serietà e la riservatezza di tutti i suoi professionisti unita alla qualità di procedure collaudate nel corso di 25 anni e contenute nel suo manuale operativo.
Seguici

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •