Statistiche catastali, l’OMI pubblica i dati 2018

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Come ogni mese di luglio, l’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate ha pubblicato il report sulle statistiche catastali, aggiornando la propria consueta analisi sullo stock immobiliare italiano.

Ebbene, stando alle prime risultanze dei propri dati catastali edilizi urbani, emerge come lo stock immobiliare consista in quasi 75,5 milioni di immobili e porzioni di immobili, di cui circa 65 milioni censiti nelle categorie catastali ordinarie e speciali, con attribuzione di rendita, mentre poco meno di 3,5 milioni sono censite nelle categorie catastali del gruppo F, ovvero nelle unità non idonee a produrre reddito. Infine, poco più di 6,5 milioni sono beni comuni non censibili, cioè di proprietà comune, che non producono reddito, o ancora in lavorazione.

Dunque, non considerando gli immobili che non producono reddito, quelli non censibili e quelli in lavorazione, le unità immobiliari censite sono pari a quasi 65 milioni di unità, di cui il 55%  nel gruppo A e oltre il 40% nel gruppo C.

L’evoluzione dello stock

Alla luce di quanto sopra, emerge come lo stock immobiliare italiano nel corso del 2018 sia cresciuto dello 0,6%, e cioè circa 400 mila unità più del 2017.

Per quanto attiene le variazioni dello stock per singoli gruppi, tutti i principali raggruppamenti hanno conseguito uno sviluppo più o meno sostanzioso (dallo 0,3% del gruppo A, tranne A/10, all’1,8% del gruppo F), ad eccezione degli immobili riconducibili alla classe A/10, con un passo indietro dello 0,3%.

Il gruppo più popoloso si conferma quello A, con circa 35 milioni di intestatari. Si noti come nel 2018 lo stock immobiliare sia risultato essere per circa l’88% di proprietà di persone fisiche, l’11,5% di proprietà di persone non fisiche, lo 0,2% di proprietà comune (BCC).

Le rendite catastali

Passando poi all’analisi delle rendite catastali, il dato complessivamente attribuibile allo stock immobiliare italiano ammonta nel 2018 a circa 37,5 miliardi di euro, di cui il 61% relativo a immobili di proprietà delle persone fisiche (più di 22,8 miliardi di euro) e il restante 39% circa (oltre 14,5 miliardi di euro) è detenuto dalle persone non fisiche. Risulta essere inferiore a 30 milioni di euro (lo 0,1% del totale) l’importo di rendita catastale dei beni comuni censibili.

Rispetto al 2017, la rendita catastale è cresciuta dello 0,5%.

Gli immobili a destinazione residenziale

Concludendo con uno specifico sguardo agli immobili a destinazione residenziale, ovvero quelli del gruppo A (dalla categoria A/1 alla categoria A/11, con eccezione della categoria A/10), al 31 dicembre 2018 lo stock risulta pari a circa 35 milioni di unità, ovvero 92 mila unità in più  di quelle che erano state rilevate nel corso dell’anno precedente.

Nel dettaglio, crescono le unità A/2 e A/3 (abitazioni civili e di tipo economico), A/7 (villini) e A/11 (abitazioni e alloggi tipici dei luoghi), con tassi superiori all’1%. Diminuiscono invece le abitazioni signorili (A/1), le abitazioni popolari (A/4), le ville (A/8), i castelli e i palazzi di pregio (A/9) e, pur con proporzioni più accentuate, le abitazioni ultra popolari (A/5) e rurali (A/6).

Ti è piaciuto questo articolo?
Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Rispettiamo la tua privacy
Informativa Privacy e Cookie
Seguici

Planning Pool

Planning Pool è l’azienda leader nell’intermediazione immobiliare in provincia di Venezia. Si caratterizza per l’elevata competenza, la serietà e la riservatezza di tutti i suoi professionisti unita alla qualità di procedure collaudate nel corso di 25 anni e contenute nel suo manuale operativo.
Seguici

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •