Tassi di interesse mutui 2020: cosa attendersi?

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La riunione della Banca centrale europea dello scorso 24 ottobre non ha apportato specifiche novità in termini di policy monetaria, tanto che l’unico dettaglio degno di nota in tale evento è stato costituito dall’ultima presidenza di Mario Draghi.

Dunque, con tassi di interesse fermi (0,50% quello sui depositi, 0% quello sulle operazioni principali di rifinanziamento, 0,25% quello sulle operazioni marginali), val la pena spostare lo sguardo al prossimo futuro e, in particolar modo, al 2020 in corso di rapido avvicinamento.

Cosa farà la BCE sul fronte tassi?

La forward guidance svelata dall’Eurotower ha segnalato che i tassi di interesse di riferimento rimarranno ai livelli attuali, o addirittura inferiori, fino al raggiungimento dell’obiettivo d’inflazione che, come noto, è pari a una soglia tendente al 2%.

Considerato che la dinamica dei prezzi è ben lontana da questo ideale, e che vi sono numerosi rischi determinati dall’impossibilità di raggiungere tale obiettivo (primo fra tutti il rallentamento del ciclo economico), difficilmente vedremo presto la BCE ritoccare verso l’alto il costo del denaro.

Naturalmente, questo non significa che i tassi di riferimento sui mutui casa non possano crescere. Si tenga in fatti in considerazione che il tasso applicato ai finanziamenti è il frutto di due principali elementi, come l’Euribor / Eurirs da una parte, e lo spread degli istituti bancari dall’altra. Val dunque la pena condividere alcune brevi riflessioni sull’evoluzione di entrambi i termini.

Euribor, segnali di crescita

Tassi di interesse mutui

Per quanto attiene l’Euribor, è facile notare come i tassi dell’ultimo mese abbiano registrato un marginale incremento, spinto principalmente dal relativo maggiore ottimismo sulle prospettive economiche dell’area euro.

Proprio per questo motivo la curva Euribor è salita di qualche punto base ma, ad ogni modo, riteniamo che non vi debba essere alcun timore di incrementi troppo sostenuti. È infatti molto probabile che i tassi di mercato possano rimanere molto compressi ancora a lungo, dando così un terreno fertile di bassi livelli dei parametri di indicizzazione.

Per quanto attiene invece i tassi fissi, anche l’Eurirs ha subito un moderato aumento in virtù delle già rammentate aspettative di miglioramento delle condizioni economiche europee. E, anche in questo caso, i tassi rimangono pur sempre vicini ai minimi storici.

Spread in crescita lieve

A crescere lievemente non sono solamente i parametri di riferimento dei tassi variabili e fissi, quanto anche gli spread applicati dagli istituti di credito, pur su trend particolarmente contenuti.

In generale, permane la preferenza degli italiani per l’indebitamento a tasso fisso rispetto a quello a tasso variabile, soprattutto per gli orizzonti temporali medio lunghi. Gli orizzonti temporali brevi potrebbero invece premiare i tassi di interesse variabili, in virtù del prolungato periodo di tassi Euribor o BCE ai livelli minimi storici.

Dunque, anche per il prossimo anno sembrano rimanere gli stessi presupposti già ben noti per il 2019: indebitarsi per comprare casa sarà ancora molto conveniente, e sarà difficile resistere alla tentazione di non sottoscrivere un mutuo a tasso fisso, considerata la possibilità di poter “congelare” l’importo delle rate nei prossimi anni, quando il trend dei tassi riprenderà a crescere in misura più o meno consistente.

Ti è piaciuto questo articolo?
Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Rispettiamo la tua privacy
Informativa Privacy e Cookie
Seguici

Planning Pool

Planning Pool è l’azienda leader nell’intermediazione immobiliare in provincia di Venezia. Si caratterizza per l’elevata competenza, la serietà e la riservatezza di tutti i suoi professionisti unita alla qualità di procedure collaudate nel corso di 25 anni e contenute nel suo manuale operativo.
Seguici

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •