Vendere casa: è il momento giusto o è meglio aspettare?

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Con l’avvento del Covid-19 il mercato immobiliare italiano si è fatto sempre più incerto, ed è lecito immaginare che tutti coloro che stanno per immettere il proprio appartamento in vendita si stiano domandando se questo sia o meno il momento giusto per farlo, o se invece sia meglio aspettare tempi più propizi.

In questo nostro breve approfondimento cercheremo di fornire qualche breve linea guida su come rapportarsi correttamente in tale scenario, evitando di compiere dei passi affrettati che potrebbero costare tempo e – soprattutto – denaro.

I prezzi sono ancora bassi, ma il Covid-19 (per ora) non ha colpe

La prima evidenza che vogliamo condividere in queste poche righe è che, effettivamente, il mercato immobiliare italiano è piuttosto sottostimato, con il prezzo degli immobili che non si colloca certamente all’apice della serie storica recente. In tal senso, il Covid-19 non ha grandi responsabilità: i prezzi degli appartamenti nel nostro Paese stanno da tempo cercando di riprendere una quota paragonabile a quella ante-crisi 2008/09, e dunque il gap negativo che può essere riscontrato nei confronti di tale base di riferimento non può certamente essere attribuito al nuovo coronavirus.

Peraltro, si tenga anche conto che l’evoluzione dei valori immobiliari non è mai così rapida come quella dei volumi delle transazioni. In altri termini, mentre – come abbiamo avuto modo di toccare con mano negli scorsi mesi – il numero delle operazioni di compravendite immobiliari può subire delle forti oscillazioni anche nell’arco di poche settimane, i valori del mercato immobiliare si muovono tendenzialmente su cicli più ampi, difficilmente influenzabili da shock endogeni o esogeni al mercato.

Vendere casa, cosa fare?

Ma allora conviene o no vendere casa oggi? Difficile sostenerlo, anche alla luce del fatto che il mercato immobiliare italiano risulta essere piuttosto frammentato e, pertanto, le valutazioni effettuabili per ciascuna zona di riferimento territoriale dovrebbero essere attentamente ponderate sulla base dei criteri di ovvia personalizzazione.

Non è dunque errato affermare che anche in questo scenario così aleatorio sia conveniente vendere. Di fatti, di fianco a coloro che hanno necessità impellente di effettuare un’operazione di cessione del proprio immobile posseggono il bisogno di nuova liquidità o perché vogliono sostituire la propria situazione abitativa, potrebbero ben esserci dei venditori interessati a ottenere un guadagno speculativo da tale transazione, monetizzando la “convinzione” dei compratori di poter fare affari in uno scenario di sottostima, quale quello attuale, e di potenziale aggravamento della pressione al ribasso dei prezzi degli immobili indotta dal Covid-19.

In tale contesto, è evidente che il primo passo da fare dovrà essere quello di rivolgersi a un esperto agente immobiliare, che possa effettuare una specifica valutazione sul reale valore di mercato dell’immobile, accompagnando il proprio cliente nel collocamento del bene sul mercato con caratteristiche tali da indurre i potenziali compratori a esprimere il proprio interesse. In questo modo i tempi di vendita e i margini di negoziazione si ridurranno significativamente, permettendo a tutte le parti di poter arrivare alla conclusione della compravendita in modo rapido ed economicamente conveniente.

Ti è piaciuto questo articolo?
Resta aggiornato, iscriviti alla nostra newsletter
Rispettiamo la tua privacy
Informativa Privacy e Cookie
Seguici

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •